Vale la pena vivere?

vale la pena vivere?

di Mattia Negri – Responsabile del progetto per adolescenti Nello Sguardo di un Altro

Ci sono tre domande che ogni persona che decida di fare un cammino è chiamato a porsi. Tre interrogativi che ruotano intorno al centro dell’esistenza, tre questioni che chi vuol fare sul serio nella vita non può saltare. Esse aiutano a dare un senso e una direzione alla vita, iniziano già a raccontare il gusto di una pienezza che si scoprirà, passo dopo passo, lungo il cammino.

La prima domanda è questa: vale la pena vivere? Sembra essere scontata ma non lo è. È scontata per tutti quelli che non ascoltano il grido che sale da tante vite affaticate, l’urlo silenzioso del popolo che soffre e che fatica a dare una ragione seria per continuare il proprio cammino su questa terra. È anche cruccio quotidiano di tutti coloro che vivono in modo superficiale, non riuscendo a fare il salto che possa regalare una qualità migliore alla propria esistenza.

È domanda celata dietro la porta chiusa della camera di tanti ragazzi che nel silenzio della loro stanza si chiedono quale possa essere il senso di una vita che al momento sembra essere una battaglia difficile da vincere: a scuola dove le relazioni quotidiane con professori e compagni sembrano essere una fatica insostenibile; nel gruppo di amici che spesso risulta essere luogo di esclusione; nella relazione con l’altro sesso che fa emergere la paura di sentirsi inadeguati, premessa ad un rifiuto difficile da sostenere.

Questa domanda non mente, anzi regala un sano realismo: “vale la pena” è modo di dire che mette in conto che il valore di una cosa è dato anche dalla fatica che essa comporta. E se è vero che la vita va accolta come un dono, probabilmente il più prezioso, lo è altrettanto che essa comporta la responsabilità di un impegno che porti verso il compimento: e non è facile, anzi è spesso faticoso. Ma la fatica stessa ne custodisce la preziosità, come la salita fa con il panorama che si gusta dalla vetta.

La seconda domanda è: per cosa vale la pena vivere? Sicuramente per vivere è necessario un senso, una direzione, un desiderio che da dentro faccia da motore per la vita. 

Si racconta che un giorno un uomo andò dall’Abbé Pierre manifestandogli il suo desiderio di suicidarsi. L’Abbè non si oppose al suo desiderio di togliersi la vita ma gli disse: “Sono solo e stanco: prima di andare ad ucciderti dammi una mano a costruire case per questi miei fratelli poveri”. L’uomo accettò ed iniziò ad aiutarlo in questo lavoro. Passarono gli anni e continuò ad aiutarlo. Quando giunse agli ultimi giorni della sua vita disse all’Abbè: “Se tu mi avessi dato del denaro, avrei ritentato il suicidio. Non mi mancava qualcosa per vivere, ma i motivi per farlo!”.

Ognuno di noi ha bisogno di dire a se stesso cosa lo spinge ad alzarsi alla mattina, quale sia la cosa per cui ama mettersi in gioco, quella per cui è disposto a giocarsi la vita. Perché la vita non prevede possibilità infinite, ma la necessità di essere capaci di scegliere un percorso preciso che metta in gioco i nostri talenti e che nella sua realizzazione doni gioia alla propria quotidianità.

La terza domanda è: per chi vale la pena vivere? C’è un’illusione dentro la quale tutti passiamo e molti rischiano di rimanere. Tutti desideriamo la felicità, tutti la cerchiamo in modo più o meno consapevole.

Il rischio è quello di cercarla nel modo e nel posto sbagliato. Se la cerchi in te stesso, in una realizzazione personale, non la troverai: è un’illusione. Se la trovi in uno o più volti da amare allora la incontrerai e la vedrai crescere. Infatti la gioia, quella vera, avendo a che fare con l’amore si realizza sempre nel mettersi a servizio della vita di un altro, nel renderla più bella, nell’essere partecipi del compimento della sua vocazione.

OCCHI NUOVI – Per vivere la Quaresima con uno sguardo diverso sul mondo

a cura di Andrea Navarin

Nel suo recente Messaggio per la Quaresima, papa Francesco scrive: “La “quaresima” del Figlio di Dio è stata un entrare nel deserto del creato per farlo tornare ad essere quel giardino della comunione con Dio che era prima del peccato delle origini”.

Se ci proiettiamo al mattino di Pasqua, è immediato ricordare il Risorto che appare a Maria Maddalena proprio nelle vesti di giardiniere. Egli cioè crea una umanità nuova e prende la figura di quel Dio che, al momento della creazione del mondo, realizza un giardino e lo affida alle cure di Adamo ed Eva. Il giardino in sé è un luogo di convivialità universale e il giardiniere è chiamato a curare con attenzione gli elementi e ad orchestrarli con amore.

Per prendere coscienza ed essere riconoscenti della convivialità di cui ogni cristiano è responsabile, il papa propone tre atteggiamenti fortemente legati al cammino quaresimale.

Digiunare, cioè imparare a cambiare il nostro atteggiamento verso gli altri e le creature: dalla tentazione di “divorare” tutto per saziare la nostra ingordigia, alla capacità di soffrire per amore, che può colmare il vuoto del nostro cuore.

Pregare per saper rinunciare all’idolatria e all’autosufficienza del nostro io, e dichiararci bisognosi del Signore e della sua misericordia.

Fare elemosina per uscire dalla stoltezza di vivere e accumulare tutto per noi stessi, nell’illusione di assicurarci un futuro che non ci appartiene.

E così ritrovare la gioia del progetto che Dio ha messo nella creazione e nel nostro cuore, quello di amare Lui, i nostri fratelli e il mondo intero, e trovare in questo amore la vera felicità”.

Tre passi da gigante nella piena realizzazione di quella “ecologia integrale” che permette di educare lo sguardo mistico e poetico di san Francesco nei confronti del mondo, dei fratelli e di Dio, e che vorremmo coltivare attraverso un cammino speciale.

Ogni lunedì, mercoledì e venerdì, ti verrà proposto un invito per vivere una Quaresima diversa, guidata dalle parole di Papa Francesco e da alcune domande che si trasformino in gesti concreti di profonda conversione degli occhi e del cuore.

Tutta la creazione è “protesa verso la rivelazione dei figli di Dio” (Rm 8,19). Sei pronto a dare il tuo contributo a questa ardente aspettativa? Sei pronto a guardare con occhi nuovi la realtà che ti circonda?

Segui Corxiii anche sui social e iscriviti al nostro canale Telegram per ricevere gli aggiornamenti sui post quaresimali!

Outfit 2019: uno sguardo sincero, libero e davvero felice.

Outfit 2019

Di Sara Manzardo

Ho vissuto per anni a Venezia, e ora mi piace tornarci con Emanuele per mostrargli i posti nascosti, le calli meno trafficate, la vita quotidiana che precede l’arrivo giornaliero dei turisti. L’ultima volta che ci siamo stati, abbiamo deciso di uscire in strada di prima mattina: lui era pronto per partire in meno di 5 minuti, io in 10, senza pensare a truccarmi nei minimi dettagli: quando si cammina, si impara che è l’Essenziale a fare la differenza.

E quell’essenzialità che ci aveva fatto volutamente dimenticare a casa bagagli ingombranti, un trucco perfetto e un outfit studiato, ci ha permesso di partire leggeri, vivendo l’esperienza unica di chi trova la bellezza dell’alba là dove pochi andrebbero a cercarla.

Dopo lo splendore dell’alba che tinge di oro lo skyline veneziano, una messa nella cappellina sobria della sagrestia della Basilica di san Marco e una colazione vissuta senza corse o preoccupazioni per la giornata che iniziava, ecco affiorare piano piano i turisti, nei loro outfit impeccabili: wow, sembrava di essere dentro una pubblicità di Vogue!

E mentre Emanuele stava finendo il suo cappuccino, mi domanda: “ma a che serve essere così infighettati se poi hanno quelle facce tristi?”. Ed effettivamente l’ultima moda sembra un po’ questa: sguardi seriosi, distaccati e un po’ tristi, che non lasciano spazio a sorrisi sinceri e liberi e che sempre meno spesso lasciano posto all’originalità. Perché?

Ogni giorno vediamo intorno a noi persone leopardate, impellicciate, risvoltinate,  ma tristi.

Vediamo persone sulla carta perfette e realizzate, ma che nella loro cura minuziosa per valorizzare la loro esteriorità dimenticano che c’è un “accessorio” che non si può mascherare: lo sguardo. Non il volto, quello è facile, ma lo sguardo.

Te ne accorgi girando per una città turistica ed estroversa, ma lo puoi vivere tutti i giorni sulla tua pelle, quando prendi consapevolezza che la tua vita è segnata da un costante velo di ansia da perfezione, dalla convinzione che l’ammirazione dell’altro significhi una maggiore possibilità di essere amato e rispettato. Eppure non è per i punti di forza che cerchi di mostrare, ma è per la tua fragile bellezza nascosta che lo sguardo di chi sa amare si posa su di te. 

Una non sospetta Coco Chanel, che di bellezza se ne intendeva, diceva questo: “Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza”. Ed è vero, c’è una bellezza genuina e incontaminata che ti abita dentro e che cerca solo di emergere attraverso i tuoi gesti quotidiani, attraverso la tua capacità di guardare l’altro con stupore e con tenerezza.

Allora il migliore outfit che puoi scegliere, è scientificamente provato, è il tuo sorriso. Non quello costruito davanti allo specchio o grazie alle prove del selfie perfetto, non quello dai denti finlandesi e sbiancati, non quello di circostanza.

Il tuo migliore abito è quel sorriso che spunta senza che tu te ne accorga, che non si limita ad un’espressione facciale provvisoria: l’abito più bello è quel sorriso che nasce come conseguenza di ciò che abita di bello nel tuo cuore.

Ed è vero o no: il sorriso imperfetto di una persona felice e serena non è contagioso? Non rischia di farti sentire misteriosamente amato e accolto anche se non ti conosce per niente?

Anche per chi crede, lo sguardo, con il suo sorriso sincero, a maggior ragione, diventa l’outfit senza confronti, 4 stagioni su 4.

“Crederò al Risorto quando incontrerò persone che lo hanno incontrato”. È la parafrasi di una citazione di Nietzsche, che riassume un po’ le perplessità delle persone che incontriamo ogni giorno. Se sei cristiano, dimostramelo, sembrano dirci i nostri coetanei. Se mi dici che la tua vita è diversa, è piena, è bella, fammelo vedere.

Perché non arriverò a credere in Dio per una serie di prediche convincenti e ragionamenti razionali sulla Sua esistenza, né per paura di finire all’inferno, né per semplice necessità di spiritualità. Crederò a quello in cui credi tu solo quando il tuo volto si mostrerà trasfigurato dalla gioia di vivere un Incontro, e ti ancora di più, quando ti vedrò sinceramente gioire o piangere per quello che ho nel cuore e che nessun altro sembra vedere. 

Crederò al Risorto quando imbattendomi nei tuoi occhi – e non in quello che indossi o nella tua dialettica – riuscirò a riconoscere davvero la bellezza della Vita che fiorisce. 

Giovani e fede: ecco cosa puoi fare per avvicinare i tuoi coetanei a Dio

Giovani e fede: ecco cosa puoi fare per avvicinare i tuoi coetanei a Dio

di Sara Manzardo

Fammi vedere in che cosa credi veramente, e ti dirò chi sei.

La sfida più grande per noi giovani cristiani è, oggi, quella di contagiare i nostri coetanei con la bellezza della fede. Il fatto che le chiese siano vuote – soprattutto di under 40 – non è colpa dell’insensibilità e della superficialità delle nuove generazioni, quanto piuttosto di un modo sbagliato, superficiale e non abbastanza efficace che fino ad ora è stato adottato per mostrarci che è bello credere, è bello vivere la Chiesa, è bello trovare il senso della propria vita.

Scriveva don Oreste Benzi: “guai a me se non predicassi il Vangelo, perché priverei gli uomini dell’incontro con Gesù”. Credo sia questo il motivo che dovrebbe muoverci nel testimoniare la gioia del Risorto.

Le chiese sono vuote, ma noi giovani abbiamo sete di Dio, sete di infinito, sete di significato. Ecco allora che testimoniare la fede tra i nostri coetanei diventa una priorità, una sfida avvincente che avrà l’entusiasmo di scoprire il “perché” questi giovani si avvicineranno alla pienezza attraverso la nostra amicizia e la nostra vita, senza l’ansia di contare “quante” persone abbiamo trascinato con la forza in parrocchia.

Sì, perché da una parte ci sono le religioni, che vanno in cerca di seguaci e magari rischiano di diventare settarie. Dall’altra c’è la fede che non guarda i numeri ma i cuori. E la fede in Gesù è per tutti gli uomini e le donne del mondo, è una fede che forma cercatori d’oro, che hanno capito dove sta la pienezza della vita e vogliono raccontarlo a tutti.

La differenza sta tutta qui: saremo veri testimoni di Cristo quando non ci limiteremo a raccontare la religione cristiana come insieme di norme e divieti utili per vivere bene e volerci bene. Saremo veri testimoni, sarai un vero testimone di Cristo quando inizierai a vivere in ogni istante quello in cui credi, non per paura di una punizione o per sentirti a posto con la coscienza, ma come spontanea riconoscenza per un Amore che ha donato tutto se stesso per te, che ha reso luminosa la vita di chi ha deciso di seguirlo, che ha risollevato anche me dalla paura, dalla solitudine, dal sentirmi inadeguata e invisibile per molti.

Sarai un vero testimone di Cristo quando ti affiderai completamente alla sua grazia: ti accorgerai che la tua vita acquisterà qualità, ti accorgerai di essere prezioso, unico, speciale, a immagine di chi ti ama così tanto da aver voluto ogni singolo istante della tua vita.

E allora ti verrà voglia di gridarlo dai tetti, di parlarne con i tuoi amici, di non tenere nascoste le tue scelte per paura di essere giudicato, perché cosa te ne fai di una gioia così grande se intorno a te ci sono persone disperate, sole, apatiche, rassegnate? Cosa te ne fai se le persone che hai accanto hanno il cuore annoiato e perso?

Perché diciamocelo, noi non ci guadagniamo niente a fare proselitismo, non riceviamo nessun premio se riempiamo le chiese, non abbiamo diritto a nessuna promozione telefonica speciale se portiamo un amico a un incontro in parrocchia, dai frati o ai 10 comandamenti.

Però ci guadagniamo la gioia nel vedere che il nostro amico – che prima pensava di stare bene così com’era – nell’incontro con Gesù scopre dov’è la vera bellezza, scopre qual è la vera pienezza della vita, scopre che essere davvero felici è possibile, realizzabile, esaltante.

Forse uno dei nostri più grandi sbagli è stato quello di annacquare tutto per avvicinare qualche fedele in più. Di far passare la fede cristiana per uno stile di vita come tanti – che si può seguire, ma se la domenica mattina vuoi dormire, va bene anche lo yoga del giovedì sera – , di far credere che il Vangelo sia semplicemente un bel messaggio da contestualizzare, con delle belle parabole e uno stile narrativo scorrevole e che Gesù sia stato un personaggio storico (almeno su questo concordano tutti) che ha detto tante cose belle… di vivere la messa come un momento di festa insieme, togliendole il sacrificio e la croce, per non scandalizzare nessuno.

Ma cosa attira di più, un Dio che si avvicina solo quando la comunità è in festa o un Dio che sa essere presente anche nella sofferenza umana, e anzi la vive in prima persona, lui che è Dio e che se la potrebbe risparmiare, e sconfigge la morte perché ama l’uomo e non ce la fa a vederlo distruggersi così?

Forse la sfida dei cristiani di oggi – e in particolare di noi giovani – è quella di raccontare questo amore, e di far vedere con la nostra vita che è bello e dà vita dedicarsi ai poveri e ai sofferenti, è bello e rende realizzati intessere amicizie costruite sulla Roccia, è bello e liberante stare con Dio e affidargli ogni singolo progetto e ogni singola preoccupazione.

Abbiamo bisogno di giovani che raccontino con la loro vita che è meraviglioso sposarsi, è meraviglioso aprirsi alla vita, è meraviglioso diventare prete o suora, andare in missione, trovare finalmente la propria vocazione, il proprio posto, la propria felicità.

“Dio è amore” significa che crediamo in un Dio che ha inventato quell’Amore che solo stando con Lui possiamo imparare, perché costa sangue, chiede di perdonare, si dedica all’amato al 100%, ogni singolo giorno, fa tutto per l’altro ed è felice, cresce dell’amore che dona, fiorisce ed è sereno anche nelle difficoltà. 

E chi ha provato cosa significa sperimentare questo amore anche solo per un istante, sa quanto sia assurdo pensare di volerne fare a meno…