Outfit 2019: uno sguardo sincero, libero e davvero felice.

Allora il migliore outfit che puoi scegliere, è scientificamente provato, è il tuo sorriso. Non quello costruito davanti allo specchio o grazie alle prove del selfie perfetto, non quello dai denti finlandesi e sbiancati, non quello di circostanza.
Outfit 2019

Di Sara Manzardo

Ho vissuto per anni a Venezia, e ora mi piace tornarci con Emanuele per mostrargli i posti nascosti, le calli meno trafficate, la vita quotidiana che precede l’arrivo giornaliero dei turisti. L’ultima volta che ci siamo stati, abbiamo deciso di uscire in strada di prima mattina: lui era pronto per partire in meno di 5 minuti, io in 10, senza pensare a truccarmi nei minimi dettagli: quando si cammina, si impara che è l’Essenziale a fare la differenza.

E quell’essenzialità che ci aveva fatto volutamente dimenticare a casa bagagli ingombranti, un trucco perfetto e un outfit studiato, ci ha permesso di partire leggeri, vivendo l’esperienza unica di chi trova la bellezza dell’alba là dove pochi andrebbero a cercarla.

Dopo lo splendore dell’alba che tinge di oro lo skyline veneziano, una messa nella cappellina sobria della sagrestia della Basilica di san Marco e una colazione vissuta senza corse o preoccupazioni per la giornata che iniziava, ecco affiorare piano piano i turisti, nei loro outfit impeccabili: wow, sembrava di essere dentro una pubblicità di Vogue!

E mentre Emanuele stava finendo il suo cappuccino, mi domanda: “ma a che serve essere così infighettati se poi hanno quelle facce tristi?”. Ed effettivamente l’ultima moda sembra un po’ questa: sguardi seriosi, distaccati e un po’ tristi, che non lasciano spazio a sorrisi sinceri e liberi e che sempre meno spesso lasciano posto all’originalità. Perché?

Ogni giorno vediamo intorno a noi persone leopardate, impellicciate, risvoltinate,  ma tristi.

Vediamo persone sulla carta perfette e realizzate, ma che nella loro cura minuziosa per valorizzare la loro esteriorità dimenticano che c’è un “accessorio” che non si può mascherare: lo sguardo. Non il volto, quello è facile, ma lo sguardo.

Te ne accorgi girando per una città turistica ed estroversa, ma lo puoi vivere tutti i giorni sulla tua pelle, quando prendi consapevolezza che la tua vita è segnata da un costante velo di ansia da perfezione, dalla convinzione che l’ammirazione dell’altro significhi una maggiore possibilità di essere amato e rispettato. Eppure non è per i punti di forza che cerchi di mostrare, ma è per la tua fragile bellezza nascosta che lo sguardo di chi sa amare si posa su di te. 

Una non sospetta Coco Chanel, che di bellezza se ne intendeva, diceva questo: “Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza”. Ed è vero, c’è una bellezza genuina e incontaminata che ti abita dentro e che cerca solo di emergere attraverso i tuoi gesti quotidiani, attraverso la tua capacità di guardare l’altro con stupore e con tenerezza.

Allora il migliore outfit che puoi scegliere, è scientificamente provato, è il tuo sorriso. Non quello costruito davanti allo specchio o grazie alle prove del selfie perfetto, non quello dai denti finlandesi e sbiancati, non quello di circostanza.

Il tuo migliore abito è quel sorriso che spunta senza che tu te ne accorga, che non si limita ad un’espressione facciale provvisoria: l’abito più bello è quel sorriso che nasce come conseguenza di ciò che abita di bello nel tuo cuore.

Ed è vero o no: il sorriso imperfetto di una persona felice e serena non è contagioso? Non rischia di farti sentire misteriosamente amato e accolto anche se non ti conosce per niente?

Anche per chi crede, lo sguardo, con il suo sorriso sincero, a maggior ragione, diventa l’outfit senza confronti, 4 stagioni su 4.

“Crederò al Risorto quando incontrerò persone che lo hanno incontrato”. È la parafrasi di una citazione di Nietzsche, che riassume un po’ le perplessità delle persone che incontriamo ogni giorno. Se sei cristiano, dimostramelo, sembrano dirci i nostri coetanei. Se mi dici che la tua vita è diversa, è piena, è bella, fammelo vedere.

Perché non arriverò a credere in Dio per una serie di prediche convincenti e ragionamenti razionali sulla Sua esistenza, né per paura di finire all’inferno, né per semplice necessità di spiritualità. Crederò a quello in cui credi tu solo quando il tuo volto si mostrerà trasfigurato dalla gioia di vivere un Incontro, e ti ancora di più, quando ti vedrò sinceramente gioire o piangere per quello che ho nel cuore e che nessun altro sembra vedere. 

Crederò al Risorto quando imbattendomi nei tuoi occhi – e non in quello che indossi o nella tua dialettica – riuscirò a riconoscere davvero la bellezza della Vita che fiorisce. 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici su Facebook!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Corxiii

Giovani cattolici che amano la famiglia, la vita e la fede. Condividiamo ogni giorni, qui e sui nostri canali social, piccole testimonianze e spunti incardinati nella fede, nella speranza e nell’amore (1 Corinzi 13)

Ultimi post

Visita il nostro store online!

Seguici su Facebook

Direttamente da Instagram

[instagram-feed]