Epifania, ecco cosa puoi imparare dai Re Magi!

Il viaggio dei Re Magi rappresenta un “itinerario a tappe” esemplare per chi si domandi come incontrare il Signore e cosa fare dopo averlo incontrato. In questa riflessione, ti spieghiamo come e cosa puoi imparare da loro.

di Andrea Navarin

 

Seguendo le impronte dei Magi ho imparato che ogni cercatore di Dio si incammina sapiente, col bagaglio della propria esperienza e delle proprie conoscenze, ma scopre alla fine del viaggio di essere un salvato!

Perciò, il loro percorso rappresenta un “itinerario a tappe” esemplare per chi si domandi come incontrare il Signore e cosa fare dopo averlo incontrato.

 

Tutto inizia con lo scrutare il cielo, guardare in alto, per leggerne i segni. È il primo passo della fede: non solo vedere la realtà, ma interpretarla chiedendosi che senso abbia e soprattutto dia alla propria vita. I Magi si interrogano, inseguono un’intelligenza più profonda e non si accontentano delle risposte altrui. In fondo, se l’uomo non cerca il significato oltre il visibile, difficilmente potrà definirsi uomo…

 

Giunti a Gerusalemme, si preoccupano di trovare il luogo di nascita del re dei giudei, anche se in verità il primo luogo in cui ogni uomo incontra Dio è quello della ricerca stessa, l’inquietudine che lo spinge ad andare. I Magi, d’altro canto, potevano essere soddisfatti di aver visto Erode. Ma quest’uomo non risponde a ciò che inseguono, perché hanno visto la SUA stella. E poco importa sia o meno una cometa perché essa rappresenta l’oggetto della loro scelta: hanno scelto di seguire la stella!

 

Però non basta vedere la stella, andare a Gerusalemme, incontrare Erode, perché il fine di ogni ricerca è ADORARE.

C’è chi cerca per adorare (i Magi), e chi (Erode e gli scribi) compie indagini accurate, usando la Scrittura, ma si ferma lì. Anzi, sfocia nell’uccisione, la strage degli innocenti. Se Dio non lo riconosci come Dio, se hai un altro dio, lo uccidi!

Erode non può adorare, perché non vuole un altro re.
Il cammino di fede invece impegna non solo la mente per capire, ma anche il cuore per amare.
Allora, non si tratterà tanto di trovare un posto in cui è nato il Messia, quanto di coltivare un atteggiamento: “Al vedere la stella, essi provarono una grandissima gioia. Entrati nella casa videro il bambino con Maria sua madre, e prostratisi lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra”.

 

La gioia è il segno della presenza di Dio! Certo, anche l’inquietudine che muove alla ricerca, la ragione che guida, la Scrittura che chiarisce sono una presenza. Ma dove c’è gioia, c’è LA presenza. Solo Dio ti può dare gioia, anche nella prova, nel dolore, nella morte. Per questo il più grande lavoro spirituale è vivere costantemente nella gioia, cioè alla presenza di Dio.

 

Ed ecco che, vedendo il bambino e sua madre, si prostrano per adorare.

Ad-orare vuol dire portare alla bocca, cioè baciare. Il punto di arrivo del cammino dei Magi è questa gioia tra amanti: è nell’amore che lo incontrano.

L’uomo è fatto per questa comunione di vita con Dio e dove esiste questo desiderio, lì Dio nasce ancora oggi: è il Natale che possiamo vivere ogni giorno.

 

Poi offrono in dono oro (i beni concreti), incenso (i beni spirituali) e mirra (un sollievo alle ferite), ovvero ciò che hanno e che sono. Dio si è offerto a loro nel bambino e loro offrono se stessi a Lui. Così divento come Lui: quando con gioia amo come sono amato da Dio e dono il cuore come Dio si è donato a me.

 

E si conclude sottolineando che “fecero ritorno”.

In greco il verbo significa fecero gli anacoreti (si ritirarono). Anche il cristiano è un anacoreta: vive in questo mondo, ma ha scoperto qualcos’altro che è il senso di questo mondo. Da qui nasce il suo essere pellegrino sulla terra.

Eppure, i Magi non si ritirano nel deserto, ma tornano nel loro paese. Cioè saranno a casa loro, vivranno la loro esistenza quotidiana; ma, avendo scoperto e baciato il Signore e avendogli aperto il loro cuore, saranno sorretti dal senso profondo di essere dei salvati.

 

Se anche noi ogni volta che ci accostiamo alla Parola gustiamo una grandissima gioia, ci prostriamo per adorare e apriamo il cuore, allora possiamo dire che il Signore si è manifestato (epifania) a noi e di aver davvero incontrato la nostra Salvezza!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici su Facebook!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Corxiii

Giovani cattolici che amano la famiglia, la vita e la fede. Condividiamo ogni giorni, qui e sui nostri canali social, piccole testimonianze e spunti incardinati nella fede, nella speranza e nell’amore (1 Corinzi 13)

Ultimi post

Visita il nostro store online!

Seguici su Facebook

Direttamente da Instagram

[instagram-feed]